Sgombri in Gabbia: Panada di Sgombri



Finalmente nei banchi dei pescivendoli sono tornati gli sgombri, in questo periodo iniziano ad avvicinarsi alla costa per deporre le uova, e difatti le loro carni per tutta la primavera sono morbide, piuttosto grasse e molto gustose. E’ un pesce azzurro selvatico di mare economico e delizioso; purtroppo nonostante sia ricco di omega3 e mille altre virtù molte persone lo snobbano, preferendo l’orata d’allevamento., magari della Grecia, (e si sa per vendere i loro prodotti a basso costo non badano alla pulizia continua delle vasche: in tal modo le feci dei pesci vanno a fondo e i pesci mangiano, quindi, mangime di qualità scadente e detriti).
Io con 5 euro sono tornata a casa con un chilo di pesce freschissimo che nuotava libero nel mare nutrendosi di acciughe e gamberetti.
Amo cucinarli in diversi modi, ma oggi voglio presentarmi questa mia ricetta, che è una rivisitazione della classica Panada Sarda. ( avendo trovato molto gustosa e ben riuscito questo esperimento qui
).

Ingredienti per la sfoglia:
200g Semola fine
150g Farina 00
20g strutto
1 cucchiaio d’olio evo
Acqua q.b. ( io ne ho usato 175ml)
1 cucchiaino raso di sale

Impastate la semola e la farina con lo strutto; aggiungete un po’ d’acqua tiepida dove avrete fatto sciogliere il sale e un cucchiaio d’olio; lavorate fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo. Copritelo con un canovaccio e fatelo riposare per mezz’ora. Nel frattempo potete prepararvi il ripieno:

Ingredienti per il ripieno:
1 Kg. Sgombri
800g. Patate
3 pomodori secchi
1 ciuffo di prezzemolo
2 spicchi d’aglio
sale pepe
olio

Pulite gli sgombri: eviscerateli e tagliate la testa, passateli sotto l’acqua corrente e asciugateli con cura. Pelate le patate, e con una mandolina o con un coltello ben affilato tagliatele a fettine molto sottili. Sminuzzate il prezzemolo, l’aglio e i pomodorini secchi e mettetele in un recipente capiente con le patate, condite con l’olio, il sale e un po’ di pepe.
Trascorsa la mezz’ora prendete il vostro impasto e ricavate due sfoglie di diverse grandezze non troppo sottili (circa mezzo centimetro), con lo strutto ungete una teglia dai bordi alti, con la prima sfoglia più grande foderate la teglia: versate uno strato con metà delle patate precedentemente condite, poi adagiate gli sgombri e finite coprendoli con le patate rimaste e ricoprite con l’altra sfoglia. Saldate i bordi delle due sfoglie pizzicandoli e poi ripiegandoli verso l’interno per formare una sorta di cordolo, oppure usate una forchetta (l’importante è che le due sfoglie siano perfettamente sigillate). Mettete la panada in forno a 200° per una decina di minuti, poi abbassate la temperatura a 180° per altri 50 min.


Togliete il coperchio e impiattate:



Commenti

  1. Ottimo pesce lo sgombro e bella la tua "storia" ...sempre utile conoscere anche quello che lega lo sgombro al territorio, e quando lo si trova e così come quando va pescato!
    la tua ricetta poi mi paice uns acco, di quei piatti unici e saporiti, ricchi e sani!
    bravissima!

    RispondiElimina
  2. Devo assolutamente provare questa tecnica della Panada... e' favolosa!

    RispondiElimina
  3. ad assemini, paese d'elezione della panada, si fanno con i muggini, oltre che con le anguille.
    io trovo gli sgombri deliziosi, anche solo lessati, con un filo di olio e succo di limone.
    immagino che meraviglia nella panada!

    RispondiElimina
  4. Ma che bella idea...complimenti!!!

    RispondiElimina
  5. Non conoscevo che la primavera questo fosse il periodo migliore per comprarlo, grazie, anch'io penso sia un pesce buono ed economico ..., la tua ricetta è deliziosa, brava.

    RispondiElimina
  6. che bello questo modo per gustare il pesce piacerà alla mia ciurma!!! baci Ely

    RispondiElimina
  7. Buona la gabbia ma soprattutto quello che c'è dentro! E' un'idea carina e saporita mi piace!

    RispondiElimina
  8. Un plato exqusito. La caballa me encanta y te ha quedado verdaderamente bien. felicidades.
    Saludos desde Almeria

    RispondiElimina
  9. he piatto spettacolare...un vero e sontuoso piatto unico!!!!
    E grazie della visita!!!

    RispondiElimina
  10. que comida mas maravillosa tienes,,me encanta la comida Italiana,,y la tuya es fantástica,,un beso.

    RispondiElimina
  11. Gli sgombri non considerarli stupidi, poi se cucinati cosi sono migliori di un pesce di qualità... Trovandolo di mare ma ormai e quasi tutto d'allevamento!!! ma gli sgombri il mare ce l'hanno dentro e portano tutto il suo profumo. Le uova che ho usato nella mia ricetta sono proprio di salmone, grazie per la visita e complimenti per questa preparazione.

    RispondiElimina
  12. Ciao Veronica, grazie da venire, ho veduto che il vostri blog ed io mi incanto con il vostro permesso registro mentre seguire ed esso visitano molto a voi uno
    di bacio
    sweetcakestoronto
    miri

    RispondiElimina
  13. Mi fa piacere che vi sia piaciuta questa preparazione, se qualcuno deciderà di provarla, mi piacerebbe avere un riscontro sincero.
    @ Luxus: non avevo mai sentito parlare della panada di sgombri di Assemini, pensa che prima di pubblicarla ho pure cercato nel web per verificare se qualcuno prima di me l'aveva realizzata, ma dalle ricerche non è emerso un solo risultato
    @ Max: non considero gli sgombri un pesce "stupido", tutt'altro, è un pesce che acquisto molto spesso e lo preparo in mille modi, anche semplicemente cotto intero al barbecue! In Inghilterra lo vendono a filetti affumicato con del pepe in grani ed è delizioso, viene servito come antipasto.
    Un grazie a tutti per la visita e per i complimenti!

    RispondiElimina
  14. la tua panada è originale. ad assemini si fa coi muggini ;)

    RispondiElimina
  15. Che idea con i muggini! Preparati così devono essere deliziosi. proverò anche questa versione. Grazie.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari